Intervista al bordocampista di Dazn, Giovanni Barsotti: “La Roma coincide con Mourinho…”

Intervista al bordocampista di Dazn, Giovanni Barsotti: “La Roma coincide con Mourinho…”

Ai microfoni di IlSognoNelCuore è intervenuto in esclusiva per un’intervista Giovanni Barsotti, giornalista e bordocampista di Dazn. Intervistato dal nostro Emanuele Cantisani, ha analizzato il rendimento di alcuni club e allenatori di Serie A e della Premier League…

Commento sullo 0-3 di Napoli-Inter.

“Innanzitutto c’è un dislivello tra l’Inter e tutte le altre squadre di Serie A. Tutti e tre i gol sono tecnicamente splendidi: il gol di Chalanoglu è spettacolare e il controllo di Barella sul secondo gol lo è altrettanto. I nerazzurri mi sembrano chiaramente la più forte. Il Napoli è tornato però a giocarsi queste partite, con Mazzarri ha finalmente credibilità in campo. Tutti i giocatori sono pienamente coinvolti e sembrano esser a bordo della nave”

Intervista in portoghese di Mourinho. Favorevole o contrario?

“E’ il terzo anno di Mourinho ed ormai si è amalgamato completamente con la tifoseria. La Roma coincide con Mourinho e dopo aver vinto la Conference il primo anno è riuscito a portar tutti dalla sua parte. Il trentatreesimo sold out consecutivo dell’Olimpico non è un caso. Alcuni atteggiamenti potrebbero esser discutibili, com esempio parlar di Mercenaro prima della partita o di Berardi, tuttavia lo conosciamo e sappiamo che la comunicazione è un suo punto di forza. Trovando un nemico comune allinea tutti dal lato della sua trincea. Il segnar nel finale dei giallorossi è il riassunto perfetto del carattere della squadra”

Come giustifica questo incostante rendimento della Lazio?

“Come Sarri, non me lo spiego neanche io. Non è scontato vincere sempre, anche alcuni giocatori lo dicono. La Juventus dei nove scudetti anche parlava di quanto fosse difficile mantenere sempre standard alti”

Come si spiega l’andamento del Milan?

“In merito agli infortuni non sono un esperto e come loro non so bene cosa stia succedendo al Milan. Leao se è infortunato o meno cambia l’andamento delle partite e della squadra. Se su una rosa di 25 giocatori, 17-18 giocatori hanno avuto infortuni, inizia a diventar difficile per Pioli”

Un parere su Camarda e sull’utilizzo dei giovani in Italia?

“Camarda l’ho visto poco ancora un pò come tutti. Ho apprezzato tantissimo la sua rovesciata in Youth League. Il tema dei giovani in Italia è ampissimo. La seconda squadra in Serie C sembra funzionare molto bene, basti pensare alla Juventus. Inoltre in Serie C, non si va a due all’ora come in Primavera, si matura notevolmente. In Italia il talento c’è e se non ci siamo qualificati agli ultimi due mondiali non credo si possa parlare di assenza di talento, difatti non c’è nessuna prova scientifica”

Cosa ne pensa della Fiorentina di Italiano?

“La Fiorentina è una squadra bellissima da vedere. Sono molto fan di Italiano e ad inizio campionato pensavo che sarebbe potuta arrivare nelle prime quattro. Purtroppo ha un gap in attacco e l’assenza di una prima punta prolifica, soprattutto in partite chiuse, si nota. Può provare a vincere nuovamente la Conference…”

Cosa ne pensa dell’Atalanta di Gasperini?

“La rosa dell’Atalanta è in linea con le altre rose avute a Bergamo da Gasperini, forse leggermente più forte. E’ iniziato un nuovo ciclo e ha cambiato anche modo di giocare. Credo che può sorprenderci in Europa, sia la squadra che l’allenatore sono molto forti negli scontri diretti. Inoltre, andare a giocare a Bergamo non è affatto semplice”

Cosa ne pensa del Bologna di Thiago Motta?

“Il Bologna è molto interessante, è bello da vedere ed ha progetto nuovo. Proprio come il suo allenatore è molto organizzata fisicamente e nei tempi di gioco. Ha dei nomi estremamente interessanti, penso a Calafiori, Zirkzee e Ferguson”

Ad oggi, le tre indiziate per retrocedere sono…

“Che domanda cattiva…(ride ndr) le tre più in difficoltà sono proprio le ultime tre, Salernitana, Verona e Cagliari. L’Empoli è in ripresa dall’arrivo di Andreazzoli, Frosinone e Genoa stanno facendo benissimo, l’Udinese è pur sempre l’Udinese… Dal Sassuolo in su non credo che qualcuna rischi di retrocedere”

Favorita della Premier quest’anno?

“La Premier è molto accesa in questo momento, son tutte lì. Auguro all’Arsenal quest’anno di farcela, ma la favorita resta sempre il Manchester City. Anche l’Aston Villa sta facendo un grandissimo campionato…

Pareri sull’operato di De Zerbi al Brighton?

“Ormai che De Zerbi sia il numero uno è di dominio pubblico. Tutti lo dicono nelle interviste, compreso Guardiola. E’ il primo allenatore-match analyst”

Xabi Alonso invece?

“Xabi Alonso è un predestinato”

Può il Girona vincere LaLiga?

“Il Girona è da anni una bella squadra trascinata da Stuani. E’ sempre stata una squadra ostica e difficile da affrontare, tuttavia non credo che vincerà LaLiga…”

Da bordocampista quale stadio, partita, squadre e giocatore l’hanno impressionato di più?

“Rispettivamente Gewiss in Italia e Bernabeu in Europa e come partita indubbiamente il Classico. Come squadre il Venezia di Zanetti, lo Spezia di Italiano e l’Empoli di Dionisi in Serie B e come giocatori Busquets e il Taty Castellanos…”

 

a cura di Emanuele Cantisani

LEGGI ANCHE: Intervista a Marco Cattaneo: “La situazione del Milan è un grosso mistero”

Per restare sempre aggiornato sul Napoli, leggi www.ilsognonelcuore.com oppure collegati a Instagram o Facebook.