Focus: Lobotka, dal trasferimento al rinnovo in vista con il Napoli

Lobotka Napoli

L’avventura di Stanislav Lobotka sotto al Vesuvio, sin dal suo arrivo aveva presentato subito qualche criticità. Soprattutto se pensiamo al giocatore che Giuntoli aveva ammirato al Celta Vigo. Il ragazzo con la maglia numero 68 arrivato nel gennaio del 2020 ha dovuto fare i conti con Gennaro Gattuso. Che nelle gerarchie del centrocampo azzurro non l’ha mai considerato valido. Una condizione fisica precaria data da vari problemi, un adattamento mai avvenuto ha fatto si che Stanislav uscisse fuori alla lunga distanza anche grazie a Luciano Spalletti.

Focus: Lobotka, dal trasferimento al rinnovo in vista con il Napoli

In un Napoli ammutinato, si cercavano nuove figure da far approdare in squadra per dare un senso di freschezza che con Ancelotti si era perso completamente perso. Giuntoli nel mese di gennaio, nel mese del mercato di riparazione ha pescato due jolly come Demme e Lobotka. Quest’ultimo arrivato in azzurro per una cifra di 20 milioni più bonus. Una cifra importante, ma che soltanto alla grande esperienza di Spalletti è riuscito ad essere oggi il perno di questa squadra, il mister di Certaldo nella passata stagione decide con il grande stupore generale di consegnargli le chiavi del centrocampo degli azzurri.

Focus: Lobotka, dal trasferimento al rinnovo in vista con il Napoli

Una scelta che il ragazzo sfrutta alla grandissima, tornado in grande forma e sfornando prestazioni di altissimo livello, con una grandissima verticalità e geometria in mezzo al campo, tutti gli addetti sono sbalorditi, ma Luciano ha incredibilmente plasmato il nuovo Jorginho. Ogni azione passa dalle gesta del 68 che trova spazi e giocate anche dove spesso gli occhi non arrivano, ma il pensiero è fulminante. La chiave della grande crescita dello slovacco sta tutta nel modo in cui mister Spalletti l’ha reso indispensabile nella sua idea di calcio offensivo. Ma con compiti di grande sacrificio nella fase di ripiego nella manovra. La parola chiave per il gioco degli azzurri è “duttilità” ogni giocatore nella proposizione di gioco ricopre più ruoli come lo stesso Stanislav e c’è chi si immerge completamente nelle due fasi come Matteo Politano.

Tutti gli occhi su Stanislav

Le grandi prestazioni di Lobotka, hanno reso il centrocampista slovacco il ragazzo nella lista dei desideri di molti top club europei, ma  la società azzurra con il giocatore ha già una bozza di rinnovo con aumento dell’ingaggio stesso. Adl viste le ultime vicende contrattuali, si sta davvero muovendo in maniera lesta e preparata per dare la giusta considerazione sul mercato dei propri gioielli. Una mossa che da modo anche alla squadra di essere serena e concentrata tutta sul campo, visto che ad oggi per poter pensare di andare via dal Napoli sia per il numero 68 che per tutti ci vogliono solo offerte irrinunciabili.

il grande lavoro di Luciano, con lo sguardo attento di Aurelio

La squadra azzurra sta tornando nei mari dove la navigazione economica è davvero tranquilla, tutto ciò è merito dello straordinario operato di tutta la società. Tutti sappiamo che l’era Adl si è sempre sorretta dalla grande progettualità tramite la propria rosa, con importanti investimenti tramutati poi in importanti cessioni. Gestione che negli ultimi anni si era arrestata per l’impoverimento tecnico e i traguardi non raggiunti. Con Luciano il patron ha giocato la carta del grande cambiamento, che ha visto salutare tanti ricordi, ma ha dato lustro al Napoli di oggi.

Christian Marangio

Leggi anche

Focus: l’evoluzione di Luciano Spalletti a Napoli, tra sfide e sorrisi

 

Autore

Per restare sempre aggiornato sul Napoli, leggi www.ilsognonelcuore.com oppure collegati a Instagram o Facebook.