Napoli Mondiale – Francia e Brasile di un’altra categoria, termina agli ottavi il cammino di Zielinski e Kim

Napoli Mondiale Qatar22

Cala il sipario per tutti e cinque calciatori del Napoli impegnati al Mondiale in Qatar22. Gli unici due superstiti, Lozano e Kim hanno incrociato sul proprio cammino due avversarie dalle serie “mission impossible”. Nonostante le numerose sorprese già accadute in questa competizione, adesso si inizia a fare sul serio e le grandi non vogliono mollare. Difatti Francia e Brasile rispettano i pronostici e in scioltezza travolgono rispettivamente Polonia e Corea del Sud.

Napoli Mondiale – Sui piedi di Zielinski l’occasione più ghiotta, i campioni in carica eliminano la Polonia

La differenza tra le rose di Francia e Polonia è ben evidente, ma l’aspetto più preoccupante per i polacchi è la scarsa produttività offensiva mostrata durante la fase a gironi. Il match si conclude con un netto 3-1, anche se gli uomini di Michniewicz hanno provato, per quanto possibile, ad equilibrare la gara contro i campioni in carica. Come da copione i “Blue” partono all’attacco, ma l’occasione più ghiotta prima del vantaggio della Francia è della Polonia.

La chance capita proprio sui piedi di Piotr Zielinski. Il centrocampista azzurro a botta sicura viene fermato prima da Lloris, poi da Theo Hernandez sulla ribattuta, la palla resta ancora lì e questa volta è Varane a respingere l’ultimo tentativo di Kaminski. Verso la fine del primo tempo è Olivier Giroud, sul suggerimento di Mbappé, a trafiggere Szczesny. L’attaccante rossonero raggiunge quota 42 goal e supera Henry diventando il miglior marcatore della storia dei Blues. Nella ripresa la doppietta strepitosa di Mbappé completa l’opera, serve a poco il goal della bandiera dal dischetto di Robert Lewandowski.

Per Piotr Zielinski una gara da 6 in pagella. Non riesce a capitalizzare l’occasione d’oro, paragonabile, osservando la posizione. ad un rigore in movimento ma Lloris e la difesa francese fanno buona guardia. Un episodio che avrebbe potuto cambiare lo svolgimento della gara. Questa volta l’allenatore preferisce non schierarlo troppo in avanti, torna nel mezzo per sfruttare a pieno la sua qualità. Polonia fuori dopo la miglior prestazione del Mondiale, di gran lunga migliore rispetto ai gironi.

Napoli Mondiale – Il Brasile si diverte e fa divertire, la Corea di Kim viene travolta all’istante

Dopo aver saltato la gara che ha permesso alla Corea di qualificarsi agli ottavi, Kim non vuole rinunciare ad essere tra i protagonisti della gara. Nonostante le condizioni fisiche, il difensore del Napoli stringe i denti e scende in campo. Per lui e compagni sin da subito non c’è speranza di poter impensierire il Brasile. I verdeoro sulle ali dell’entusiasmo ne fanno quattro in 36′. Apre le danze Vinicius Junior sull’assist di Neymar. O’Ney l’uomo più atteso alla vigilia della gara, che ha tenuto in apprensione i tifosi della Selecao dopo l’infortunio rimediato contro la Serbia è della gara.

E proprio lui trasforma il calcio di rigore, che vede protagonista anche il portiere coreano Kim Seunggyu. Prova a disturbarlo con un balletto sulla linea di porta, non si lascia intimidire il numero 10 che lo lascia immobile al momento della conclusione. Ancora protagonista Richarlison, uno dei protagonisti assoluti della storia recente del Brasile. Inizia a farsi vedere procurando il calcio di rigore, apre e chiude con un sigillo personale anche l’azione che porta al 3-0. Sul tabellino die marcatori c’è spazio anche per Lucas Paqueta con un goal al volo. Nella ripresa rende meno amaro la sconfitta Seung-Ho Paik.

In realtà la Corea qualche pensiero ad Alisson, oltre il goal, lo crea e si rende protagonista di quattro interventi importanti. Restando in tema di danze, anche Tite si lascia andare ai festeggiamenti. Il Brasile non ha bisogno di grosse indicazioni, la qualità fa tutto il resto ma riuscire a gestirla è altrettanto importante. Partita insufficiente per Kim, per lui si chiude un Mondiale non entusiasmante condizionato inevitabilmente dall’infortunio. S’impegna e prova a tenere alta la concentrazione sia in fase di impostazione che nel gioco aereo, ma diventa impossibile contrastare la velocità del Brasile.

Davide D’Alessio

Leggi anche

La partita del giorno: la Croazia supera il Giappone solo ai rigori

Autore

Per restare sempre aggiornato sul Napoli, leggi www.ilsognonelcuore.com oppure collegati a Instagram o Facebook.