La partita del giorno: la Croazia solo ai rigori supera il Giappone

Croazia-Giappone

Allo stadio Al Janoub di Doha è andata in scena l’ottavo di finale tra Croazia e Giappone. Che non prometteva grande emozioni, ma il calcio anche oggi ha sorpreso tutti. La gara tra le due nazionali è stata davvero la più combattuta di questo mondiale, concluso con il bisogno dei tiri dagli undici metri, per decretare il prossimo quarto di finale.

La partita del giorno: la Croazia solo ai rigori supera il Giappone

La formazione croata era partita in quarta per tutta la stampa, doveva essere lei la grande favorita per la gara di quest’oggi contro il Giappone, ma la squadra con il richiamo degli origami ha davvero messo in campo una prestazione eroica. Corsa, duttilità e tanto sacrificio questi sono stati i grandi dogmi della squadra nipponica, che con l’assenza pesante di grandi giocatori doveva davvero fare appello al grande patriottismo. Per superare in maniera importante la gara contro i croati. Il Ct della Croazia ha visto la sua squadra soccombere nella prima parte di gara, visto il grandissimo ritmo dei nipponici, una squadra dalla grande qualità che annaspa e prende la rete del vantaggio da Maeda al 43′.

La partita del giorno: la Croazia solo ai rigori supera il Giappone

Nella seconda frazione però i croati cambiano marcia, nella loro proposizione di gioco e nonostante la giornata no di Modric e Kovacic la Croazia trova il pareggio al minuto 55′. Con una grande girata di testa, dell’ex Inter Ivan Perisic. Gara che dopo il pareggio si mantiene su ritmi bassi. Con le due squadre in campo in attesa dei supplementari. Che arrivano, ma non regalano emozioni e reti, tanto da dover andare per la prima volta in questa fase ad eliminazione diretta ai calci di rigore. La squadra nipponica arriva stanca e priva di lucidità dagli undici metri e il parziale dei penalty è di 1-3 per i croati che con il brivido arrivano ai quarti di finale.

La Croazia di Dalic vince, ma non convince

La squadra croata in questa gara non ha mai dato davvero mai l’impressione di avere in mano la grande situazione. I nipponici nei 120′ minuti non sono mai andati sotto con il risultato, una gara giocata sotto tono anche dalla stella Modric, che dovrà fare molto dipiù per tirare la squadra oltre l’ostacolo del quarto di finale.

Christian Marangio

Leggi anche

La partita del giorno: Mbappé e Giroud fanno volare la Francia

 

Autore

Per restare sempre aggiornato sul Napoli, leggi www.ilsognonelcuore.com oppure collegati a Instagram o Facebook.