Anguissa, Colomba: “La sua assenza peserà di più rispetto a quella di Osimhen”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

ANGUISSA COLOMBA – A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Franco Colomba, ex allenatore, fra le tante, di Napoli e Salernitana. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Insigne, Colomba: “Crea sempre giocate importanti”

“Spalletti e le assenze? Penso che il Napoli abbia dei buoni rincalzi, nonostante Mertens non sia al 100% come ai bei tempi, essendo anche passato qualche anno. La qualità c’è, con Petagna che è molto fisico e può essere utile. La mancanza di Anguissa? Si farà sentire, ma per sopperire bisognerà che i centrocampisti si sacrifichino maggiormente, raddoppiando un po’ dappertutto. Grazie al camerunense anche Fabian Ruiz si sentiva più libero, ora le cose saranno diverse. In sua assenza lo spagnolo dovrà avere dei compiti difensivi. Un altro modo per sopperire a quest’assenza potrebbe essere quello di arretrare Zielinski, sempre per poter lasciare il compito di regia a Fabian evitando di farlo sforzare eccessivamente. Insigne? Al di là di ogni discorso, Lorenzo è quello che innesca gli attaccanti, che crea giocate importanti entrando dentro al campo. Ha qualità superiori agli altri, ma il campionato è questo: ci sono tante difficoltà. Si gioca troppo spesso in questa annata “spezzatino”, e l’unico problema per il Napoli poteva essere solo quello degli infortuni. Mi auguro che Mertens rientri in modo determinante, tornando ad essere il giocatore che conosciamo. Scudetto? Con la rosa al completo è possibile competere per questo obiettivo, ma il problema è riuscire ad andare avanti nonostante queste mancanze, come è successo anche al Milan. Juventus? Non è ancora finita. Hanno perso punti con le piccole, ma quando entreranno in condizione potranno tranquillamente recuperare, anche perché ora Milan e Napoli non potranno sempre vincere. Salernitana? Io sono a disposizione, ma non è quello il punto: la Salernitana deve puntare ora a non staccarsi troppo dalle altre pretendenti alla salvezza, in attesa di un mercato di gennaio che migliori un po’ la situazione della rosa. Non è ancora detta l’ultima parola, a patto che si resti agganciati”.

LEGGI ANCHE

Autore

Per restare sempre aggiornato sul Napoli, leggi www.ilsognonelcuore.com oppure collegati a Instagram o Facebook.