Roma-Napoli Femminile, disfatta delle azzurre a Trigoria: bastano 21′ alle giallorosse per archiviare il successo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Roma Napoli Femminile

ROMA NAPOLI FEMMINILE – Prima trasferta stagionale per il Napoli Femminile a Trigoria contro la Roma. Le padrone di casa hanno l’obiettivo di bissare il successo dopo la vittoria contro la Fiorentina mentre le Tartarughine vogliono riscattarsi dopo la falsa partenza contro l’Inter. Ad avere la meglio saranno le ragazze di mister Spugna, che demoliscono il Napoli in soli 45′.

Roma-Napoli Femminile, i momenti chiave del primo tempo

Il primo squillo della gara è della Roma: Giugliano cerca Glionna ma la difesa del Napoli è attenta. Poco dopo arriva la risposta delle Tartarughine con Goldoni, ma l’ex Inter spara alto sopra la traversa. Al 18′ si scatena l’uragano giallorosso che mette in seria difficoltà le partenopee. La Roma passa in vantaggio con Andressa che riceve la sfera sull’esterno e fa partite un tiro-cross beffando Aguirre. Nonostante la vittoria all’esordio contro l’Empoli, quello di Andressa è il primo gol stagionale per una calciatrice giallorossa, visto che la vittoria contro le toscane è  stata frutto di tre autogol.

Le ragazze di Pistolesi non riescono a reagire e dopo soli 2′ subiscono il raddoppio. L’incertezza decisiva di Imprezzabile lancia Serturini che si presenta davanti ad Aguirre, tiro a giro ed è festa giallorossa. Intorno al 21′ c’è anche spazio per il tris targato Giugliano, che di sinistro chiude un cross perfetto di Glionna. Il controllo totale del match da parte della Roma, viene interrotto dal colpo di testa di Goldoni sull’assist di Kuenrath. La prima frazione di gioco, però, ha ancora qualcosa da raccontare, infatti le padrone di casa mettono il punto esclamativo sul match. Una scatenata Glionna serve Bartoli per il definitivo 4-1, prima del duplice fischio da parte dell’arbitro.

Roma-Napoli Femminile, i momenti chiave del secondo tempo

La seconda frazione di gioco riprende sulla falsariga del primo tempo. Dopo 8′ della ripresa, Pirone colpisce un palo clamoroso con Aguirre già battuta. Sarà ancora l’estremo difensore delle Tartarughine a negare la gioia del gol a Pirone. Intorno all’ora di gioco il Napoli prova a rimettersi di gioco, ma lo scambio tra Popadinova e Goldoni non impensierisce Ceasar. Si conclude con il punteggio di 4-1 in favore della Roma che sale a 6 punti in classifica. Seconda sconfitta di fila per il Napoli che resta a quota zero punti in classifica.

Considerazioni post-partita

Seconda sconfitta consecutiva per il Napoli Femminile. Le Tartarughine, a differenza degli sprazzi di gioco positivi mostrati contro l’Inter, hanno subito la qualità delle avversarie. Il gol del vantaggio di Andressa, seppur alquanto casuale, può essere etichettato come l’inizio della fine. Le azzurre hanno accusato il colpo e di conseguenza perso totalmente il controllo del match. Bisogna anche ricordare che sono state affrontare due avversarie, Inter e Roma, che fanno parte di quel gruppetto destinato ad ambire a zone nobili della classifica. Ma per le Tartarughine resta il rammarico di aver commesso errori banali, nonostante in alcune circostanze non ci fosse la minima pressione avversaria. Resta comunque la consapevolezza di aver perso contro un avversario nettamente superiore. Tra le note positive, da sottolineare la prestazione positiva di Popadinova.

L’attaccante bulgara ha fatto una partita di grande generosità sia in attacco che da esterno. Bene anche Kuenrath, che tra l’altro ha servito l’assist per il gol di Eleonora Goldoni. Inoltre la nuova arrivata Deppy ha disputato 35′ utili per tornare in condizioni fisica, lanciando segnali incoraggianti per il futuro. L’assenza di Paola Di Marino dal primo minuto si fa sentire. Il capitano quando subentra riesce subito a fare la differenza e risolvere situazioni spinose. Yolanda Aguirre può rimproverarsi sui gol subiti, anzi ha contribuito ad evitare un risultato ancora più rotondo.

Il prossimo turno sarà domenica prossima a Cercola contro la Fiorentina. Ben tre ex nella compagine viola: Sarah Huchet, Sabrina Tasselli e Federica Cafferata. Tre calciatrici che hanno scritto un pezzo di storia del Napoli Femminile contribuendo alla storica salvezza. Le ragazze di mister Pistolesi dovranno continuare a lavorare per trovare la giusta quadratura, magari provando a conquistare i primi punti a partire proprio dalla prossima sfida.

LEGGI ANCHE

Donnarumma, il fratello: “A chi non piacerebbe vederlo al Napoli”

Autore

Per restare sempre aggiornato sul Napoli, leggi www.ilsognonelcuore.com oppure collegati a Instagram o Facebook.